Categoria: Rotary International

Riconoscimento Sovvenzione del Centenario

La celebrazione del Centenario della Fondazione Rotary includerà il riconoscimento di risultati di grande portata correlati ai suoi programmi, incluso l’importante lavoro realizzato da club e distretti Rotary grazie alle sovvenzioni della Fondazione Rotary.

La Commissione per la celebrazione del centenario ha selezionato diverse sovvenzioni globali di spicco completate nell’anno 2015/2016 da mettere in risalto al Congresso RI di Atlanta a giugno. Ecco l’elenco delle sovvenzioni selezinoate.trf_centennial_noteworthy_global_grants_it

Presentazione annata 2014-15 (7 e 21 luglio 2014)

Il 7 luglio 2014 Alberto Petrocelli, presidente eletto per quest’annata, ha presentato a Ca’ del Galletto a Treviso, il suo programma. Alla riflessione sull’etica, in vari contesti, sarà dedicata un’attenzione particolare. Le azioni di supporto a favore della comunità locale s’incentreranno invece sul carcere minorile di Treviso, proseguendo così un’attività già da anni intrapresa.

Il neo presidente (Alberto PETROCELLI) e la neosegretaria (Monica POLI):

20140707 pic 1

ed il presidente uscente (Carlo MOSCA) che brandisce il martello per l’ultima volta:

20140707 pic 2

Il motto adottato dal Rotary International per quest’anno è

2014-15 logo

Per approfondimenti, v. https://www.rotary.org/myrotary/it/light-rotary-2014-international-assembly-resources

Qui la brochure del presidente internazionale Huang: 2014-15 Huang brochure

 

Il 21 luglio siamo entrati nei dettagli 20140721 AP1 20140721 AP4, cogliendo l’occasione anche per fare ad Alberto gli auguri di quasi-compleanno, visto che festeggiava l’indomani …20140721 AP2 20140721 AP3

 

 

Vecchio e nuovo Rotary (17 febbraio 2014)

Nella serata del 17 febbraio, abbiamo parlato del Rotary, della sua organizzazione e della vision adottata per i prossimi anni.

Alberto Petrocelli ha parlato di formazione ed informazione. V. le slides qui: Formazione ed informazione rotariana 17.02.14

Alessia Gobbin ha illustrato le novità in tema di e-clubs e satellite clubs.

Francesco Bandiera ha toccato il tema della Rotary Foundation e ricordato come il progetto PolioPlus debba esser concluso prima possibile, a pena di veder vanificati gli sforzi sinora fatti a causa dell’inevitabile recrudescenza della malattia se cessa l’azione immunitaria.

La discussione fra i soci presenti è stata vivace soprattutto laddove si sono toccati quelli che possiamo considerare dei ‘nervi scoperti’: posizionamento del Rotary nella società, innovazioni alla tradizionale prassi delle conviviali, politiche di allargamento della base associativa. Il presidente Carlo Mosca ha esortato a considerare positivamente tutti i tentativi fatti in sede di Consiglio di Legislazione per elaborare strumenti che consentano una sempre maggiore conoscenza delle iniziative del Rotary, la penetrazione del suo messaggio di ‘eccellenza etica’ e l’abbattimento delle attuali barriere censuarie di fatto.

16 settembre 2013 – inter nos

In apertura, il presidente ha illustrato gli eventi in programma anticipando il prossimo impegno del club a favore del programma contro lo sfruttamento dell’infanzia e dell’adolescenza (chi fosse interessato, visiti www.racsrag.org oppure la pagina facebook https://www.facebook.com/pages/Rotarian-Action-Group-Against-Child-Slavery/121197057958416).

Schermata 2013-09-18 a 00.02.06

Serata poi dedicata ai soci. Il discorso si è focalizzato sul mood dominante: l’economia che non tira, la difficoltà di questo paese che non sa offrire occasioni di investimento, la fuga dei talenti giovani all’estero, ….

foto 5

Le visioni venivano – a dir il vero – un po’ dalla stessa parte (su quattro soci che hanno raccontato come va la loro attuale attività, tre erano professionisti (F Bandiera, architetto; N Stradiotto, avvocato e F Contessotto, commercialista) ed il quarto (M Bassetto) dirigente bancario ora ritiratosi e part-time consulente finanziario), ma è stato molto interessante comunque discuterne perchè il punto di vista del professionista è prezioso, nel senso che offre uno sguardo di rimbalzo su quel che accade negli altri settori.

foto 3

 

 

 

 

 

In coda, l’osservazione che la risposta degli individui alle situazioni di tensione economica è formente condizionata dall’emotività, più che frutto di fredde valutazioni. E qualsiasi governo dovrebbe tenerlo presente, cominciando seriamente a fare, invece di promettere.