Categoria: Treviso

“Per solo amore della mia città” Luigi Bailo e la cultura a Treviso e in Italia tra Ottocento e Novecento

Presentazione degli atti del convegno del 14 novembre 2015, a cura di Franco Luciani.

L’Associazione Ex Allievi del Liceo Canova e il Comune di Treviso, in collaborazione con Rotary Club Treviso e Ateneo di Treviso, organizzano per giovedì 22 dicembre 2016, presso il Museo Civico “L. Bailo” in Borgo Cavour 24, la presentazione del libro “Per solo amore della mia città”. Luigi Bailo e la cultura e in Italia a Treviso tra Ottocento e Novecento.

Il libro, curato da Franco Luciani ed edito da Grafiche Antiga, raccoglie gli atti dell’omonima giornata di studi tenutasi il 14 novembre 2015 in occasione dei 180 anni dalla nascita dell’abate Bailo e della riapertura della sede museale di Borgo Cavour a lui intitolata: un convegno di grande successo in termini di pubblico e partecipazione, volto a sondare nel profondo la personalità poliedrica di Luigi Bailo e a ridefinire il clima culturale trevigiano e italiano a cavallo tra XIX e XX secolo. Il volume raccoglie in un’unica opera organica i contributi di Gian Maria Varanini, Steno Zanandrea, Maria Grazia Caenaro, Eugenio Manzato, Franco Luciani, Andrea Bellieni, Alessia De Piccoli, Maria Elisabetta Gerhardinger, Giuliano Simionato, Domenico Losappio, Luigi Urettini, Stefano Franzo ed Emilio Lippi.

Alla presentazione del libro interverranno Luciano Franchin, Assessore alla Cultura del Comune di Treviso, Alessandro Casellato, docente di Storia Contemporanea presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, e Agostino Contò, dirigente della Biblioteca civica di Verona.

Nell’occasione Eugenio Manzato ricorderà Francesca Cavazzana Romanelli, valente studiosa, archivista e ricercatrice veneziana, alla quale il volume è dedicato.

La partecipazione all’evento è libera ed aperta a tutta la cittadinanza: per motivi organizzativi e di capienza della sala (i posti disponibili saranno una cinquantina) si raccomanda la puntualità.

a cura di:

ASSOCIAZIONE EX ALLIEVI LICEO CANOVA
Via Mura San Teonisto, 16
31100 Treviso
Tel. 0422 545312
Mail: exallievicanova@gmail.com

I soci raccontano che fanno (3 marzo 2014)

Serata con Guido Darsié, veterinario, P1040381 che ci ha raccontato del suo lavoro. Aneddotica sterminata, com’era da immaginarsi; nel segno di un mutato rapporto, negli anni, fra padroni e piccoli animali di casa: dalla sostanziale indifferenza per la loro sorte alla struggente percezione siano membri della famiglia (con il rischio ovviamente di unamizzazione). Per sentirlo dal vivo:

A seguire, Piero Tessarolo P1040383 che da qualche anno, lasciato il settore finanziario cui si è dedicato per tutta una vita lavorativa, sta lavorando ad un’iniziativa particolare e relativamente nuova nel panorama italiano: il riciclo degli elettrodomestici, o meglio la gestione virtuosa delle AEE ( apparecchi elettrici ed elettronici) quando a fine utilizzo diventano RAEE ( rifiuti apparecchi elettrici ed elettronici).

Ecco un estratto dalle note di Piero: “I consorzi Ecoped e Ridomus (sede in Milano) nascono nel 2006, senza scopo di lucro, dalla volontà di un numeroso gruppo di qualificati produttori di AEE , attenti ai valori ambientali e sempre attivi e puntuali nel rispetto delle nuove normative (L. 151/2006). Detti consorzi sono costituiti da oltre 500 produttori leader  del mercato ( Seb, Girmi, De Longhi, Folletto, Carrier, Olimpia , Vortice ecc.. ) nei settori dei piccoli elettrodomestici ( 80 % market share) , delle apparecchiature sportive ( 70 % m.s. ) e condizionamento (  60 %  m.s.) il tutto in presenza di due dati importanti : 30.000 dipendenti ed  euro 12 miliardi di fatturato.
Gli obiettivi dei consorzi , nel rispetto della legge e su indirizzo e controllo  dei produttori, sono rivolti:
– verso l’ambiente con la riduzione  dei rischi ambientali  e il contestuale recupero delle materie prime /seconde;
– verso i cittadini, nella formazione e informazione sul rifiuto con la presenza di una raccolta differenziata capillare;
– verso gli associati produttori , nella gestione in termini economici e trasparenti dell’onere a loro carico assicurando la massima garanzia nella gestione ambientale adottata ( qualificazione preventiva  dei fornitori : trasportatori e aziende di recupero).
Concludendo,  l’industria corretta del riciclo, oltre che proteggere l’ambiente,  aiuta l’economia e l’occupazione  sia nelle attività di recupero dei rifiuti (RAEE ) sia nel fabbricare materie prime riutilizzate nei processi produttivi di nuovi prodotti“.

Per finire Gianfranco Massaro P1040384  di Banca Esperia (Mediobanca) che ha raccontato della sua attività di supporto finanziario a nuove iniziative imprenditoriali: uno sguardo da un osservatorio privilegiato sui trands dell’industria e soprattutto sul passaggio generazionale che sta caratterizzando questi anni. Una breve traccia audio del suo intervento:

4-11-13 Il progetto sulla viabilità del 1979 … A 1979 project on city traffic

Renzo Secco nella riunione di lunedì 4 novembre, ha tirato fuori un vecchio documento, elaborato dal Club nel suo primo anno d’attività: un’indagine realizzata in collaborazione con il prof. Giovanni Sarpellon, all’epoca docente di sociologia a Venezia, sul tema della viabilità nel centro storico Treviso. During our last Monday meeting (Nov 4th, 2013) Renzo Secco came out with an old paper the Club drew up in its very first operational year (1979) with the help of Giovanni Sarpellon, then professor of sociology at the Venice University. The topic was, ‘The traffic in the heart of Treviso’.

Scritto in epoca pre-computer (come si può vedere), tirato fuori da qualche filza ed affidato ora alla forse più durevole memoria in forma di bits, l’Indagine offre ancora oggi l’occasione di un’interessantissima lettura e mostra come il nostro club sia sempre stato sensibile ai problemi della comunità. Written in pre-computer age (as you can easily see), the document has been pulled out from some dusty pile and now it is going to acquire a perhaps more lasting memory in  form of digital bits. It is a survey that still may inspire the reader some interesting insights; anyway, it shows how our club has always been sensitive to the problems of our community.

I tempi sono cambiati; i commercianti non sono più compatti nel vedere nella chiusura dei centri storici il diavolo incarnato; ma ancora tanto resta da fare per restituire le città ai cittadini ed affrancarle dal dominio delle macchine – così comode ma così ingombranti. Times have changed, the city shopowners are less adamant in seeing the closure of the historic center to traffic as a devil incarnate, but still a lot remains to be done in order to give the town back to its citizens, and free them from the domain of cars – so comfortable, so cumbersome.

Grazie a Renzo e … buona lettura (scarica il documento Thanks  Renzo and … good reading (download document here (Italian only): Indagine Sarpellon 1979 su viabilità a Treviso).