Categoria: Uncategorized

Migliorare l’accesso all’istruzione tramite la Rotary Foundation

57 milioni, un numero esorbitante, se pensiamo che si tratta del numero di bambini che non frequentano la scuola in tutto il mondo. Migliorare l’accesso all’istruzione è una delle chiavi per interrompere il ciclo della povertà, e i Rotariani stanno lavorando per fare proprio questo. Usando sovvenzioni dalla Fondazione Rotary, i soci allacciano partenariati con le comunità per fornire libri di testo a basso costo, per integrare la tecnologia nelle aule e per assicurare che gli allievi abbiano accesso all’acqua potabile. Guarda come la Fondazione sta cambiando il mondo attraverso l’istruzione. Aiuta anche tu promuovendo le attività che svolge il tuo club nel campo dell’istruzione, e facendo una donazione durante il Mese della Fondazione Rotary.

Riconoscimento Sovvenzione del Centenario

La celebrazione del Centenario della Fondazione Rotary includerà il riconoscimento di risultati di grande portata correlati ai suoi programmi, incluso l’importante lavoro realizzato da club e distretti Rotary grazie alle sovvenzioni della Fondazione Rotary.

La Commissione per la celebrazione del centenario ha selezionato diverse sovvenzioni globali di spicco completate nell’anno 2015/2016 da mettere in risalto al Congresso RI di Atlanta a giugno. Ecco l’elenco delle sovvenzioni selezinoate.trf_centennial_noteworthy_global_grants_it

REPORT: RCNY International Breakfast at the UN Oct 19, 2016

Mediators Without Borders International Panel

Our Oct 19 International Breakfast featured President & CEO of Mediators Beyond Borders International, Prabha Sankaranarayan. Ms. Sankaranarayan spoke of previous and current projects in countries ranging from the Philippines, Liberia, South Thailand, and even local communities such as Pittsburgh, PA.

Mediators Beyond Borders is an international non-governmental organization whose mission is to build local skills for peace and promote mediation worldwide.

Ms. Sankaranarayan spoke of previous and current projects in countries ranging from the Philippines, Liberia, South Thailand, and even local communities such as Pittsburgh, PA. What differentiates MBBI is their use of Conflict Transformation Methods and their emphasis on a people-driven model, and a trauma-informed approach to peace-building. Their belief is that though there’s importance in the global context of peace-building at the government and diplomat level, for peace to last, there must be engagement on every level of the community.

MBBI’s relationships with these communities are initiated through invitations from local individuals and partnership with organizations. They’ve found that a great majority of those advocating for change are women. The process and needs of their projects vary, though, they often include the evaluation of current resources and development and implementation of training programs. MBBI recognizes the differences in each of these communities’ populations, histories and difficulties therefore they contextualize their work to meet local needs. They refer to themselves a “global network of local practitioners” with their primary goal being to “create a space to transform conflicts.”

Alongside its partners–now including Rotary Club of New York, after signing an MOU at the end of this meeting–MBBI believes that “peace is a process” and that “if we can do something different, we can make a difference.”

Trisha Janelle Gragera/Rotaract

“Mediators Without Borders International Panel” with RCNY President Jon Erbilgin, speaker Prahba Sankaranarayan, Moderator Helen Reisler, and Kaan Soyak.

Helen Reisler, our moderator with the Hon. Guest speaker, Prahba Sankaranarayan.

Copyright © 2016 Rotarian Action Group for Peace, All rights reserved.
You are receiving this message because you are a member of the Rotarian Action Group for Peace.

Our mailing address is:
Rotarian Action Group for Peace
221 NW Second Ave, Suite 204
Portland, OR 97209

Good News Agency (Ott. 2016)

Ecco il nuovo numero, che viene distribuito gratuitamente in tre lingue a 10.000 media e giornalisti di redazione in 54 paesi, a 3.000 ONG, a 1.400 scuole superiori e università e ad oltre 26.000 Rotariani in Italia e nel mondo. Come sempre, il notiziario include anche notizie dell’attività del Rotary. .

“Portiamo Good News Agency nelle scuole!” – Dopo i 19 concorsi scolastici condotti a tutt’oggi da molti Club e Distretti in sinergia con Good News Agency, la campagna include quest’anno due concorsi distrettuali già lanciati: dal D2032 sul tema “SOSTENIBILITÀ: un impegno per ciascuno di noi, non più differibile!“; e dal D2110 sul tema “Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. I Governatori hanno esortato i Presidenti di Club ad aderie al progetto e a coinvolgere le scuole nel loro territorio, conducendo il concorso e la relativa premiazione di Club in autonomia e segnalando al Distretto i lavori primi classificati per un’ulteriore selezione e premiazione a livello distrettuale.

Bozza di bando, schede operative e una scaletta di fasi e tempi, nonché l’elenco dei 19 concorsi già svolti a tutt’oggi, sono riportati su: http://www.goodnewsagency.org/it/contests.php

Molto cordialmente,

Sergio Tripi
Direttore, Good News Agency
Fondatore e presidente dell’ Ente morale educativo
associato al Dipartimento della Pubblica Informazione delle N.U.

good-news-agency-anno-xvii-n-250-14-ottobre-2016

Claudio Scarpa, nuovo presidente 2016-17

Con inizio luglio, come ogni anno, il club cambia dirigenti ed il nuovo presidente per l’annata entrante 2016-17 è Claudio Scarpa, che succede a Piero Tenderini.

donna con ruota.pngNel bollettino 1 (2016-17), il resoconto della sua serata iniziale nella quale ha presentato il programma per il primo semestre.

Il tema di base sarà la valorizzazione del territorio. V. Claudio nel video

Nel bollettino 33 (2015-16), invece la serata conclusiva di Piero. Nel video una sua intervista breve rilasciata all’inizio del suo anno:

Il Ghetto di Venezia

Due occasioni per conoscere il Ghetto di Venezia.

Il 23 maggio avremo un incontro con Gabriella Di Taranto a Ca’ del Galletto (ore 20) ed il 5 giugno andremo in visita (scarica qui il Programma RC TV NORD visita Ghetto 5.06.16).

Il ghetto di Venezia era la zona di Venezia dove gli ebrei veneziani erano obbligati a risiedere durante il periodo della Repubblica Veneta. Dal suo nome deriva la parola ghetto.

Il Ghetto si trova nel sestiere di Cannaregio ed è sede della Comunità Ebraica di Venezia.

Ghetto (Venice) Panorama
Ghetto (Venice) Panorama

Prosegue il contrasto alla polio / Rotary pushes on PolioPlus campaign

Polio this week as of 19 November 2014

  • On 13 November, the Director-General of WHO accepted the recommendation of an International Health Regulations (IHR) Emergency Committee of Experts on polio that the international spread of polio continues to constitute a Public Health Emergency of International Concern (PHEIC) under the IHR, and extended the existing Temporary Recommendations to prevent the international spread of polio for countries affected by the disease for another 3 months. Recognizing the escalating wild poliovirus (WPV) transmission in Pakistan, additional Temporary Recommendations were provided to further reduce the risk of international spread from Pakistan. Read more.
  • In response to the recent outbreak of circulating vaccine-derived poliovirus (cVDPV) in Madagascar, supplementary immunization activities are scheduled in December in high risk areas and across the entire country in January to stop transmission of the virus.
  • This week, the Centers for Disease Control and Prevention (CDC), USA, released a report marking 2 years during which type 3 wild poliovirus has not been detected anywhere in the world. While the CDC report concludes that WPV3 transmission has possibly been interrupted, continued sensitive surveillance is needed before a final conclusion on WPV3 eradication can be made.

– See more at: http://www.polioeradication.org/Dataandmonitoring/Poliothisweek.aspx#sthash.ew67t3Ng.wx462HH3.dpuf